Storia ed evoluzione del robot aspirapolvere

I robot aspirapolvere hanno avuto una storia evolutiva molto interessante negli ultimi anni.Se sei interessato ad acquistare un robot per pulire casa leggi il nostro articolo sui migliori robot aspirapolvere per pulire casa.

I Robot Aspirapolvere più venduti su Amazon

Mop elettrico telecomandato

In Francia nel 1899 c’erano delle carte illustrate che arrivavano nei pacchetti di sigarette. Rappresentavano come sarebbe stato il mondo nell’anno 2000. Jean-Marc Cotê ha illustrato questa carta con un mocio elettrico che può essere azionato a distanza. Queste carte sono state create per celebrare la fine del secolo in tutta la Francia.

George il robot

La prima versione di George the Robot fu costruita dal britannico Tony Sale quando aveva diciassette anni nel 1949. Un robot che muoveva gli occhi e si illuminava. Aveva un’antenna di ricezione a onde corte e il robot era in grado di camminare e aspirare.

La scopa sonica

Nel 1955, una serie televisiva di fantascienza negli Stati Uniti presentava un episodio intitolato “Time is Just a Place” in cui una giovane coppia scopre che i loro vicini di casa (sono fuggitivi dal futuro che sono fuggiti nel passato per sfuggire a un governo oppressivo) possiedono una “scopa sonica” e molti altri oggetti di tecnologia domestica avanzata.

MM7 Macchina cibernetica

La macchina umana MM7 è stata sviluppata dallo scienziato Claus Scholz-Nauendorff, conosciuto come “il padre viennese della robotica”.
Questo robot è stato progettato come mezzo per studiare il movimento cibernetico ed è considerato il precursore dei robot industriali di oggi.

Macchina per la pulizia di Computopia

Nel 1969, un robot pulitore di pavimenti appare in Computopia (contrazione delle parole computer e utopia) nella rivista giapponese Shonen che illustra un articolo sull’argomento.

Il robot aspirapolvere Chiritorie di Nintendo

Nel 1978, il dispositivo di pulizia semovente Chiritorie con telecomando senza fili comprendeva un corpo, un dispositivo di azionamento sul corpo per muovere il corpo in modo rotatorio intorno al suo asse o in linea retta lungo la superficie del pavimento sottostante, e un dispositivo di pulizia ad aspirazione.

ComRo I

Creato nel 1981 dall’americano Jerome Hamlin in un garage, ma non ebbe molto successo. Era azionato in due modi, da un telecomando portatile o da un microcomputer programmabile nella testa del robot. ComRo potrebbe rendere la vita un po’ più facile con il suo aspirapolvere integrato, il telefono senza fili, l’orologio digitale, la televisione in bianco e nero e il braccio manipolatore che potrebbe sollevare fino a 10 libbre.

Tomy Dustbot

Creato nel 1985, questo robot giapponese è stato il primo robot appositamente progettato per offrire un aspirapolvere incorporato.
I grandi occhi di DustBot lampeggiavano, aveva luci rosse e le sue braccia si muovevano creando un movimento di spazzamento della scopa e aspiravano piccoli pezzi di carta, polvere, briciole, ecc.
Era in grado di rilevare qualsiasi bordo e modificare la sua traiettoria.

Panasonic robot aspirapolvere

Nel 1991 la società giapponese Panasonic annunciò che stava sviluppando un robot aspirapolvere per uso domestico attraverso un sistema di controllo autonomo e poteva funzionare per 55 minuti con una sola carica.
Questo nuovo robot ottimizza i suoi movimenti in funzione della forma della stanza, del tipo di pavimento e della quantità di polvere grazie a vari sensori anticaduta, un sistema di rilevamento degli ostacoli, un giroscopio e una tecnologia di controllo della potenza in funzione della quantità di polvere sul pavimento.

Robot aspirapolvere Floor Bot

Anno 1991. In Australia Duncan Ashworth ha creato il FloorBot, un robot aspirapolvere per la casa. Era progettato per pulire automaticamente il pavimento e funzionava premendo un pulsante e quando aveva finito di pulire, si spegneva da solo.
Lo sviluppo di questo robot è stato il culmine di anni di lavoro su sistemi di sensori, sviluppo di software e simulazione del mondo reale, ingegneria elettronica avanzata, progettazione meccanica e design 3D.

HomeR Robot aspirapolvere

Nel 1993 Frank Jenkins della California Robotics Society sviluppò il suo robot HomeR. Era alto 23 centimetri, pesava 44 libbre e conteneva più di 80 sensori. Era dotato di un computer di bordo Ampro 386SX con quattro megabyte di memoria. Aveva anche un sistema di aspirazione Black&Decker e poteva ritrovare la strada verso la base di carico.
Navigava con 12 unità sonar a ultrasuoni e 24 sensori di livello di luce.

Televac robot aspirapolvere

Creato dai francesi André e Bernard Jonas (francese) nel 1991.
Un robot aspirapolvere che funzionava con un timer e un rilevatore di ostacoli.

Electrolux Trilobite Robot Vacuum Cleaner

Ideato nel 1997 dagli svedesi Anders Haegermarck, Lars Kilstrom e Bjorn Riise.
Il robot aspirapolvere Trilobite è un grande passo avanti nella tecnologia dei robot domestici. Il movimento casuale di robot aspirapolvere in una stanza ha lasciato il posto all’uso di un tipo di radar che tracciava un percorso basato sui percorsi precedenti.
Il Trilobite usava la tecnologia a ultrasuoni per vedere gli ostacoli ed evitare le collisioni. Emetteva vibrazioni ultrasoniche sulle superfici per creare una mappa della stanza e la memorizzava.
Era anche in grado di passare senza sforzo tra pavimenti e tappeti grazie ai sensori e funzionava in modalità normale e Spot. Utilizzava strisce magnetiche come muri virtuali.

Robot aspirapolvere iRobot Roomba

Nel 2002, iRobot ha lanciato il robot aspirapolvere Roomba.

Roomba ha una serie di sensori di base che lo aiutano ad eseguire i compiti. Per esempio, il Roomba è in grado di cambiare direzione sugli ostacoli che incontra, di rilevare le macchie sporche sul pavimento e di rilevare le cadute ripide per evitare che cada dalle scale. Utilizza due ruote a funzionamento indipendente che permettono di girare a 360 gradi. Inoltre, può essere adattato per eseguire altri compiti più “creativi” utilizzando un computer integrato in combinazione con l’Open Interface di Roomba.

Questa è la fine di questo breve viaggio attraverso la storia degli aspirapolvere robot. Ma non è un addio ma un arrivederci perché siamo sicuri che in un futuro non troppo lontano parleremo di nuovo di tutti i nuovi sviluppi che verranno nel mondo degli aspirapolvere robot.

In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.
Top 6
Logo